Bonus bici, rimborsi fino a 500 euro: via dal 4 novembre con Spid In evidenza

Bonus bici, rimborsi fino a 500 euro: via dal 4 novembre con Spid

Dal 4 novembre e fino al 31 dicembre sarà possibile ottenere fino a un massimo di 500 euro per l'acquisto di biciclette e monopattini 

Tanto tuonò che piovve. Dopo mesi di rinvii e incertezze, infatti, il cosiddetto bonus mobilità (volgarmente detto "bonus bici" è finalmente realtà. E con la pubblicazione del Decreto in Gazzetta Ufficiale c'è finalmente anche una data: i rimborsi si potranno chiedere a partire dal 4 novembre.

Il Bonus Bici è l'agevolazione che consente, dal 4 novembre e fino al 31 dicembre, di ottenere un rimborso pari a un massimo di 500 euro (e comunque per il 60% della spesa sostenuta) per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, monopattini elettrici e altri veicoli per la micromobilità come segway e hoverboard. Inclusi anche servizi individuali di mobilità condivisa come per esempio un abbonamento annuale di bike sharing o l'affitto di monopattini elettrici.

COME SI OTTIENE Per accedere all'agevolazione bisogna registrarsi sulla piattaforma dedicata grazie alle credenziali Spid. Nella sezione apposita si potrà caricare la fattura o lo scontrino del mezzo acquistato dopo il 4 maggio con l’indicazione del codice fiscale del cliente. Il rimborso sarà erogato tramite accredito sul conto corrente personale registrato al momento della presentazione della richiesta sulla piattaforma. 

E chi non ha ancora acquistato una bici? Se avete intenzione di farlo in futuro, dovrete comunque registrarvi e accedere alla piattaforma ma in questo caso i clienti dovranno generare un buono digitale da mostrare al negoziante ottenendo uno sconto diretto sul prezzo del mezzo o del servizio, pari al 60% della spesa sostenuta e sempre fino a un massimo di 500 euro. In questo caso, quindi, il cliente paga soltanto il 40% del costo totale, mentre il restante 60% verrà poi rimborsato al negoziante che ha aderito all’iniziativa accreditandosi sull’applicazione web.

REQUISITI Non sono previste soglie Isee ma alcuni paletti ci sono: possono beneficiare dell’incentivo tutti i maggiorenni residenti in capoluoghi di regione o provincia, in una città metropolitana (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino e Venezia) o in un comune con più di 50mila abitanti. Al di sotto di questa soglia è il Comune di riferimento

 

 

 

 

Torna in alto