Migliora la qualità energetica degli edifici italiani: nelle prime tre classi compravendite +6%

Nel 2018 sono aumentate le compravendite degli immobili classificate nelle categorie energetiche A+, A e B.

Sempre più italiani puntano su una casa efficiente e "risparmiosa". Il dato viene a galla chiaramente dal monitoraggio delle dinamiche del mercato immobiliare frutto della collaborazione tra l’Enea, l’Istituto per la Competitività (I-Com) e la Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (Fiaip). Dall'indagine si può evincere che dopo anni di scarsa attenzione, il settore immobiliare inizia a riconoscere la valenza strategica dell’efficienza energetica.

Analizzando i dati del 2018, il numero di compravendite che riguardano immobili delle categorie migliori è cresciuto del 6%: in totale la percentuale di immobili di elevata qualità energetica (A+, A e B) rappresenta il 77% degli immobili di nuova costruzione venduti nel 2018, continuando il trend di crescita evidenziato negli anni precedenti ed interrotto solo dal dato del 2017. 

Relativamente stabile, invece, la situazione per gli immobili in buone condizioni e da ristrutturare, per cui la percentuale di edifici nelle prime tre classi energetiche rappresenta rispettivamente il 11% e il 5% del totale. Positivi anche i segnali che vengono dal segmento degli edifici ristrutturati per i quali si è passati dal 10% del 2017 al 22% del 2018 nelle percentuali di edifici appartenenti alle classi energetiche più performanti (A+, A e B).

Di pari passo continua invece la discesa degli immobili che ricadono nella classi peggiori. Quelli appartenenti all'ultima categoria (la G) nel 2018 risultano al di sotto del 50% mentre la percentuale di immobili compravenduti appartenenti alle ultime quattro classi energetiche (dalla D alla G) è invece scesa all’80% a fronte di un valore superiore al 90% nel 2017. 

Emerge in maniera sempre più evidente quindi una diversa percezione da parte degli italiani dei vantaggi economici e di comfort che possono derivare dall’acquisto o dalla vendita di un immobile di classe energetica più elevata. 

 

Leggi tutto...

Mercato immobiliare, le previsioni della Fiaip: "Nel 2019 compravendite in crescita ma prezzi in calo"

Secondo l'indagine di Fiaip, nel 2019 il mercato italiano resterà altalenante e non riuscirà a consolidare la crescita.

Un mercato immobiliare che prosegue nella crescita ma rallenta. È una previsione con luci e ombre quella contenuta nel report dell'Osservatorio immobiliare del settore urbano di Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) Enea e Icom.

Per il 2019 è attesa una crescita complessiva delle compravendite del +2% rispetto al +6% dello scorso anno. Secondo lo studio a spingere le contrattazioni sono principalmente tre fattori: il mantenimento da parte degli istituti di credito di tassi di interesse molto convenienti, lo scarso rendimento dei titoli di Stato che spinge i risparmiatori a rifugiarsi nell'investimento immobiliare e l'aumento del numero di case offerte sul mercato dai privati che non riescono a sostenere il peso dell'alta tassazione.

L'offerta continuerà quindi a essere forte, ma la domanda non seguirà lo stesso passo: inevitabilmente a farne le spese saranno i prezzi, già in calo del -2,5% nel 2018, che avranno un andamento altalenante con numeri negativi in gran parte del Paese con poche eccezioni, concentrate soprattutto al centro-nord. Per città come Milano, Napoli, Bologna e Firenze, si prevede un trend positivo dei prezzi anche nel 2019.

Nell'indagine si prevede anche una stabilizzazione degli affitti in molte città, specie nelle aree metropolitane e nelle località turistiche, dove oggi si fanno ottimi affari per immobili da mettere a reddito, in particolar modo nelle città d'arte dove il mercato della ricettività alternativa a quella alberghiera è in netta crescita.

"Si fotografa un mercato immobiliare che segna un progressivo cambiamento di passo – commenta Mario Condò de Satriano, presidente del Centro Studi Fiaip – ma che non evidenzia, ad oggi, una crescita consolidata. L’aumento della domanda immobiliare e delle compravendite, in particolar modo nei comuni capoluogo, arriva in un momento di forte incertezza per i mercati".

"Sull’andamento del mercato - ha sottolineato sempre Mario Condò de Satriano - ha pesato il lungo periodo di incertezza politica, il contestuale innalzamento dello spread e permangono i timori sul debito italiano e sulle prospettive macroeconomiche entro le quali verrà scritta la prossima manovra di bilancio. Il mercato, nonostante il costante aumento delle transazioni immobiliari, evidenzia tutta la sua fragilità, con l’assenza di una crescita dei valori, rispetto al resto d’Europa". 

Leggi tutto...

Mercato immobiliare, compravendite +4,7%: il mattone torna ai livelli del 2010

A comunicarlo è l'Istat: nel quarto trimestre le transazioni sono aumentate del 7,6%, il livello più alto degli ultimi due anni.

Il mercato del mattone italiano torna ai livelli di 9 anni fa. A comunicarlo è l'Istat che ha reso noti i dati degli ultimi mesi del 2018 spiegando che "l'indice destagionalizzato delle compravendite ha registrato un'accelerazione della crescita del mercato immobiliare che, a livello nazionale, raggiunge i valori medi del 2010 trainato dalle transizioni rilevate al nord".

Il tutto è dovuto a un quarto trimestre decisamente brillante. Secondo l’Istat le compravendite di unità immobiliari sono aumentate del 4,7% rispetto al trimestre precedente, con un incremento del 4,4% per il settore abitativo e del 10,5% per l’economico. Rispetto al quarto trimestre del 2017, le transazioni immobiliari aumentano complessivamente del 7,6%, il livello di crescita più alto degli ultimi due anni. L’espansione riguarda sia il settore abitativo (+7,8%) sia l’economico (+4,6%). Il 2018 registra quindi, rispetto all’anno precedente, una ripresa del 4,7% delle compravendite (+5,5% il settore abitativo e -5,8% l’economico) e del 3,6% per i mutui.

L’incremento congiunturale interessa tutte le aree del Paese sia per il settore abitativo (Nord-ovest +5,5%, Nord-est +4,7%, Centro +4,4%, Sud +2,8% e Isole +1,8%) sia per l’ economico (Nord-ovest +22,1%, Isole +8,2%, Sud +6,7%, Centro +4,6% e Nord-est +3,9%). Stesso discorso per l’incremento tendenziale per l’abitativo: Isole (+10,1%), Nord-est (+9,9%), Centro (+9,7%), Nord-ovest (+7,4%) e Sud (+2,8%). 

Bene anche i mutui. Le convenzioni notarili per finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare sono cresciute del 2,2% rispetto al trimestre precedente e dell’8,4% su base annua. Tali convenzioni registrano un aumento su tutto il territorio nazionale, sia su base congiunturale (Centro +3,5%, Nord-est e Isole +2,1%, Sud +1,7% e Nord-ovest +1,6%) sia su base annua (Centro +12,3%, Isole +10,6%, Nord-est +9,1%, Nord-ovest +6,7% e Sud +4,9%). Rispetto alla tipologia dei comuni, la crescita riguarda sia le città metropolitane (+9,8%) che i piccoli centri (+7,3%).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS