Articoli filtrati per data: Mercoledì, 06 Novembre 2019

Foto a 360 gradi e rendering 3D: quando la tecnologia aiuta a vendere casa

È possibile restringere i tempi di vendita dando maggior valore alle abitazioni e adattando lo spazio alle potenziali esigenze dei clienti.

Quando vendere casa sembra un'impresa impossibile è la tecnologia a dare una mano. La tecnologia, infatti, sta cambiando sempre più in fretta anche il mondo dell'immobiliare con l'applicazione di strumenti che consentono di gestire online diverse fasi del processo e soprattutto di migliorare la percezione dell'immobile grazie, per esempio, al 3D e alla realtà virtuale.

Grazie al rendering 3D, infatti, è possibile arredare, tinteggiare o cambiare la disposizione degli ambienti dando di fatto "nuova vita" alla propria casa. Uno strumento molto utile, per non dire fondamentale, soprattutto quando la casa da vendere è ancora in costruzione, completamente vuota o, ancora peggio, piuttosto datata. In questo modo si cerca di adattare lo spazio a disposizione alle esigenze e al gusto dei potenziali clienti.

Le foto a 360 gradi sono un altro strumento che permette con un singolo scatto di catturare l’intero spazio di un ambiente. Una novità che rivoluziona il modo di visionare gli immobili ed èin grado di offrire all’utente un’esperienza di visita più immersiva.

Un ulteriore salto di qualità è il "tour virtuale": grazie a questo strumento, che si basa sulle foto a 360 gradi della proprietà, l'agente guida la visita virtuale, scegliendo il percorso migliore per valorizzare al meglio l'alloggio e attirare l'attenzione del cliente  sui dettagli più significativi.

In poche parole, grazie alla tecnologia si può abbassare il tempo di permanenza di un immobile sul mercato anche di parecchie settimane. L'importante, però, è non esagerare in modo da evitare che il potenziale acquirente abbia brutte sorprese quando verrà fisicamente a visitare la casa. Il disappunto potrebbe, infatti, avere effetti controproducenti ai fini della vendita.

Leggi tutto...

Arredamento, dal giallo ocra al rosso mattone: ecco i colori dell'autunno 2019

Ogni stagione ha i suoi colori, ma forse l’Autunno è quella con una tavolozza più vivace: ecco quelli più consigliati per arredare casa

L'autunno è una stagione magica in cui dominano i colori della terra. Si va dal rosso all'arancione, dal verde al giallo: tonalità calde, vivaci e avvolgenti che stanno benissimo anche nell'arredamento domestico. Gli amanti dell’autunno hanno atteso tutto l’anno il momento in cui far scoppiettare le castagne al fuoco e rintanarsi sotto una coperta, davanti a una buona visione o lettura: ma per portare a compimento la missione relax è importante circondarsi anche di colori e tessuti adatti a questa stagione. 

GIALLO SCURO - OCRA Il giallo è uno dei colori che più incontra la natura autunnale, di cui protagoniste le foglie brillanti sugli alberi: quest'ultime ci riportano all’infanzia e i toni caldi fanno subito venire in mente un camino acceso e la dolcezza di uno dei momenti più belli dell’anno. Quest'anno il giallo ocra la fa da padrone non solo su maglioni e sciarpe, ma anche su plaid, cuscini, candele. Con esso, tutti i punti di giallo che ricordino il fogliame che affolla i marciapiedi. 

ROSSO MATTONE Intenso, vivace e sgargiante: ancora una volta il rosso è uno dei colori di tendenza fino a confermarsi un must della palette cromatica per l'autunno 2019. Vanno bene tutte le sue gradazioni, ma è ovviamente il rosso mattone a farsi preferire per l'arredamento casalingo. L’avvolgente tonalità a metà tra l’arancione, il rosso e il marrone ispira infatti protezione e comfort e accende visivamente gli spazi e rende viva l'atmosfera delle stanze che veste.

VERDE Intenso, accogliente, unisex su teli da bagno ma anche elegante a tavola: Il verde si addice perfettamente alle pareti di casa. Ad esempio, sta benissimo in cucina oppure in camera da letto, anche soltanto su una parte della stanza. Questo colore è molto elegante, per cui sta benissimo anche nella zona living e in particolare con un arredamento sui toni del legno scuro, in modo da creare un contrasto netto e deciso. Il verde, inoltre, è uno dei colori più indicati per infondere tranquillità e serenità

 

  • Pubblicato in Design
Leggi tutto...

Immobiliare, prezzi delle case usate in leggero aumento a Ottobre: +0,3%

L'ultimo report di Idealista: salgono Campania , Marche e Lombardia. Male Umbria, Friuli e Piemonte.

Piccoli segnali di vitalità delle case usate: secondo l’ultimo report dell’ufficio studi di Idealista, infatti, i prezzi di queste abitazioni sono in leggera ripresa registrando un aumento del +0,3% grazie soprattutto al mercato delle città del nord. Un dato che però non basta a ribaltare il dato annuale fermo ampiamente in territorio negativo: -2,6%. Il prezzo medio di vendita a 1.713 euro al metro quadro. 

Per la maggior parte delle regioni, ben 11, si registra ancora una diminuzione delle valutazioni: il calo maggiore è segnalato in Umbria (-0,7%), Friuli-Venezia Giulia, Liguria e Piemonte (-0,6%). In sensibile aumento, invece, i prezzi di Campania (1,4%), Marche (1,1%) e Lombardia (0,8%). La Liguria , nonostante il calo, resta comunque  la regione con i prezzi più elevati (2.473 euro/m2)  davanti a Valle d’Aosta (2.465 euro/m2) e Trentino Alto Adige (2.343 euro/m2). 

Oltre della metà delle province sotto la lente d'ingrandimento hanno invece registrato prezzi in aumento: a livello di macroaree, i cali più sensibili si registrano a Sassari (-4,1%), Potenza (-3,5%) e Caltanissetta (-2,9%). All’opposto, i maggiori recuperi spettano a Lecco (4,8%), Ascoli-Piceno (3,5%) e Monza-Brianza (3,2%). Bolzano (3.455 euro/m2) è la provincia più cara d’Italia davanti a Savona (3.039 euro/m2) e Firenze (2.793 euro/m2). 

Per quanto riguarda i capoluoghi prevalgono i segni negativi nella maggior parte delle grandi città italiane: il calo maggiore a Teramo (-3,4%) e Potenza (-2,8%) mentre le migliori prestazioni si registrano a Fermo (5,7%), Monza (5,7%) e Lecco (3,2%). Per le grandi metropoli, si conferma la tendenza positiva per Milano (1,2%) e Bologna (1%); bene anche Venezia e Napoli (0,9%). Male invece Genova (-1%) e Torino (-1,9%). Venezia (4.487 euro/m²) rimane la piazza con i metri quadri più cari, davanti a Firenze (3.898 euro/m²) e Bolzano (3.575 euro/m²).

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS